Pesci d'acqua dolce

Pesci d’acqua dolce per acquario con fondale sabbioso: le specie allevate

Pesci d’acqua dolce per acquario con fondale sabbioso: le specie allevate, nel post a cura di Acquari.org

L’acquario in casa richiede cura, attenzione e scrupolosità ai massimi livelli. A maggior ragione se si compone di fondale sabbioso e di pesci d’acqua dolce che non sono così semplici da allevare. Nulla di particolarmente complicato, ma è bene essere preparati nel momento in cui si allevano determinate specie dall’equilibrio bio-alimentare specifico.

Eh sì, perché l’equilibrio in questi casi la fa davvero da padrone. Salvo casi particolari, l’acquario deve essere un mixi di risorse e punti di forza per quella specifica specie di pesci. Una sorta di habitat naturale ricostruito in salsa casalinga.

Danio Rerio

Questo tipo di pesce d’acqua dolce presenta un carattere piuttosto aperto e vivace. Non è un caso se vive la maggior parte del suo ciclo di vita in banchi numerosi. In un acquario vanno inseriti almeno dieci esemplari per poterli ospitare al meglio.

Lo spazio in un acquario deve essere ampio poiché questi pesci hanno la capacità di muoversi rapidamente nel giro di pochi secondi e rischierebbero, poi, di annoiarsi con tutte le conseguenze del caso.

Meglio preparare una vasca da almeno 80 litri per stare sicuri. Non devono mancare radici e piante acquatiche nell’ambiente di riferimento. Sono i suoi rifugi preferiti dove passerà la maggior parte del suo tempo.

Pesce Siamese Combattente

Pesce d’acqua dolce di origine asiatica, che si adatta perfettamente in un acquario con capacità di almeno 54 l. La sua lunghezza si aggira tra i 5 e i 7 cm. I maschi hanno un colore tendente al rosso, mentre le femmine spiccano per la colorazione gialla.

A differenza di altri pesci non respirano solamente con le branchie, ma hanno bisogno di incamerare ossigeno dall’aria circostante. È per questo motivo che li si vede di frequente salire in superficie con la bocca spalancata. Quindi, nessun allarme in casi come questo.

Aspettativa di vita sui tre anni. Vivono in acque molto calde, per questo la temperatura di un acquario si presenterà in un range compreso tra 24 e 30°. Il valore del pH tra 5 e 7. Piantagioni e acque stagnanti rappresentano condizioni essenziali per la sua sopravvivenza.

Pesce Disco

Un pesce d’acqua dolce non facile da allevare, sia sul piano dell’alimentazione che della gestione dell’acqua. Vive per lo più nelle acque torbide delle Amazzoni. Per questo riprodurre fedelmente il suo habitat naturale non è impresa semplice, ma si può.

La temperatura deve assestarsi tra i 28 e i 30°. I gruppi di pesci disco si compongono di almeno 6 esemplari. Le radici e la fitta vegetazione presente consentono loro di trovare un rifugio sicuro nei momenti di maggiore intimità. La vasca di contenimento va adeguata entro un range di almeno 50 litri. Sensibili e delicati, non possono essere accostati ad altri pesci tropicali, altrimenti si rischia di minarne l’equilibrio e la coesistenza.

Ciclide nano di Ramirez

Pesce d’acqua dolce da sistemare in un’acqua acida e con temperatura massima di 28° al fine di agevolarne la riproduzione. Non è abituato ad essere a contatto con eccessiva illuminazione. Il fondale sabbioso e ricco di piante rientra perfettamente in una vegetazione a sua misura.

Mangia cibo vivo, tra cui soprattutto larve ed insetti. Ma gradisce anche cibo congelato, segnatamente larve di zanzara. L’accostamento tra blu e nero, in riferimento alla parte della livrea, lo rende affascinante da guardare in acquario dal punto di vista cromatico. 

Presenta una indole territoriale spiccata, per cui difende in maniera quasi ossessiva il suo spazio. Non va oltre i 7 cm di lunghezza. Rispetto al maschio, la femmina sfoggia colori meno vivi e meno appariscenti, oltre a dimensioni inferiori.